“Perseverare è meglio”: la storia di Adriano Farano su Left

December 15, 2015

Schermata 2015-12-15 alle 12.13.29
“Ha le idee chiare Adriano Farano, 35 anni, attualmente Ceo & founder di una delle start up più promettenti della New economy. Si tratta niente meno che di Watchup, un’app in grado di fornire contenuti video specifici su un argomento, customizzati in base alle esigenze di ognuno e ordinabili a una determinata ora del giorno o della notte. Una sorta di telegiornale personalizzato a domicilio, direttamente sullo schermo del tuo mobile o tablet. Segno inequivocabile che l’attenzione delle persone si sta spostando sempre di più dallo schermo della televisione a quello del computer e dei vari dispositivi portatili. Della serie: quando non è la montagna che va da Mometto, allora è Maometto che va alla montagna, ossia dagli utenti, cambiando alla radice l’idea stessa di informazione e di video giornalismo. Del resto, lo stesso Farano non è nuovo al mondo dell’informazione, anzi. È lì che affondano le sue radici. «Sono stato fulminato dalla passione per le video-news a 9 anni. Era il 1989. Il primo telegiornale che ho visto nella mia vita raccontava il crollo del muro di Berlino. Il giorno dopo, a scuola, mi sono accorto che nessuno dei miei compagni aveva sentito la notizia. Tornato a casa ho preso dei fogli e messo insieme quello che ho chiamato Il giornalino di Berlino. Facevo le fotocopie e lo vendevo per 500 lire. Ho “as-sunto” 4 bambini che sapevano scrivere e disegnare e prodotto almeno 5 numeri. Quando la maestra si è accorta che a scuola giravano dei soldi, ha vietato la pubblicazione.» È poi il 2001 quando, giovanissimo, Farano approda a Strasburgo per l’Erasmus e fonda Cafè Babel, un magazine onli- ne che a oggi conta reda- zioni in ben trentacinque città diverse. «Café Babel nacque con un’idea pre- cisa, oggi attuale più che mai: la volontà di costruire un’opinione pubblica europea – afferma Farano -. Ero uno studente Erasmus a Strasburgo e ho sentito l’esigenza di creare un collante tra tutte le persone con cui mi confrontavo quotidianamente. Café Babel è nato così: ancora oggi è un giornale online, multilingue. Gli Stati Uniti d’Europa sono stati la mia ispirazione. Si dibatte tanto su come creare una coscienza europea: che il primo passo consista proprio nel cominciare a discuterne attraverso un giornale?» Successivamente all’esperienza di Cafè Babel, Farano decide di partire alla volta degli Usa e mettersi nuovamente in gioco. Nel 2012 vince, infatti, la Knight Fellowships, una borsa di ricerca all’università di Stanford, in California, che offre a 20 giornalisti di tutto il mondo la possibilità di lanciare un progetto sperimentale per rinnovare il giornalismo. «Lì ho iniziato a lavorare a Watchup» conferma Farano.

Una volta approdato negli Usa, però, Farano non trova di certo vita facile: arriva in California con 600 euro in tasca, una moglie, due figlie, una casa, molti appoggi e tanta voglia di dare seguito alla sua idea. Per quello però servivano i soldi e la ricerca fondi, si sa, è sempre una strada in salita. «In molti credono che la Silicon Valley sia una sorta di “El Dorado” per chi vuole far crescere la propria startup, in realtà è tra i posti più competitivi al mondo. Parliamo di un ecosistema in cui non esistono muri tra chi fa, chi pensa e chi mette i soldi. Esistono momenti e luoghi in cui inventori, ricercatori ed investitori si incontrano e rendono il processo produttivo molto fluido. È una medaglia a due facce: da una parte è il migliore posto al mondo in termini di accesso al capitale d’investimento, dall’altro lato la competizione è feroce». Il nostro imprenditore amalfitano, infatti, ha dovuto sudare non poco prima di vedere arrivare i primi investimenti, rischiando ogni giorno che il ramo dove aveva deciso di sedersi si spezzasse e fosse costretto a tornare indietro. «Ho raccolto i primi 500mila dollari in 100 appuntamenti. I primi 30 sono andati tutti male. Ma io non mollavo. Ci credevo. Questa è la golden age del giornalismo. Non c’è mai stata cosi tanta produzione di informazioni», ha dichiarato non molto tempo fa in un’intervista. E racconta: «290 imprenditori su 300 non ce la fanno, ma spesso poi hanno successo con un’altra idea… da cosa nasce cosa, ed è questo il bello della Silicon Valley. Qui si dice “ideas are cheap”: avere un’idea non costa molto. Qui chi ha qualcosa in mente condivide, chiede confronti. Tutti qui condividono un motto: “get out of the building”. Esci dall’ufficio e corri a parlare con la gente per vedere cosa ne pensa». Proprio così: esci all’aperto, parla con le persone e chiedi loro cosa ne pensano. Alla fine saranno loro a decretare il tuo successo o il tuo fallimento. E qui la tenacia, non può che premiare.

«Se si è tenaci e si ha un progetto vincente, le soddisfazioni non tardano ad arrivare. Dopo decine di incontri abbiamo iniziato a raccogliere i primi consensi. Quasi un anno fa siamo stati finanziati con un milione di dollari. La Microsoft e StartX, l’incubatore dell’università di Stanford dove Watchup è sbocciata, sono solo due delle grandi realtà che hanno scelto di credere in questo progetto che ha raccolto altri 2,8 milioni di dollari a dicembre in un round guidato dal prestigioso gruppo editoriale di Chicago, Tribune Media». Ma Farano, oggi perfetta rappresentazione del self-made man in epoca di precariato internazionale, ce l’avrebbe fatta se non fosse andato negli States? E qui i nodi vengono subito al pettine: «Per la tradizione culinaria non c’è partita – ironizza – per l’imprenditoria è un po’ diverso. Se non avessi lasciato l’Italia, onestamente non credo che ce l’avrei mai fatta. La burocrazia, la mancanza di meritocrazia sono ancora un forte ostacolo. Sono orgoglioso del mio Paese, ma non lo sono quando si parla dello spirito civico degli italiani: è l’elemento alla base di un Paese che fa dell’imprenditoria la chiave di volta per una crescita economica. Come si fa business senza la certezza del diritto?». In ogni caso Farano è certo che buona parte del suo successo è merito della sua formazione classica, nonostante i detrattori. «Steve Jobs diceva che la creatività nasce dall’incontro tra sensi- bilità umanistica e genio scientifico. So con certezza che lo studio delle materie umanistiche mi ha dato strumenti senza i quali non sarei mai arrivato dove sono oggi. Il passo da forma mentis a open mindness, dallo storytelling all’ars oratoria è breve: in fondo i principi delle antiche civilità che ho trovato sui banchi di scuola sono oggi il mio pane quotidiano». E alla domanda su quale sia il vero segreto del suo successo Farano risponde sicuro: «Pensare in grande e non averne mai paura. Bisogna osare, saper proporre i propri obiettivi e il proprio team, a volte serve anche fortuna e “faccia tosta”. Non dimenticherò mai quando l’ex direttore del Wall Street Journal, Gordon Crovitz, uno dei nostri primi finanziatori mi disse: “Se hai lasciato la Costiera Amalfitana, uno dei posti più belli al mondo, per fare una startup è perché ci credi veramente. E io con te”.